NEWS/EVENTI

ARThletes: le due ruote incontrano l'illustrazione

Il nuovo Burgman 400 incontra quattro artisti italiani di fama internazionale che interpreteranno le doti tecniche dello scooter secondo un'ispirazione che richiama alcuni sport iconici delle prossime Olimpiadi di Tokyo. Nascerà così una mostra curata da Lorenza Salamon e Ale Giorgini.

 

 

IL PROGETTO ARTHLETES

 

Per il lancio del nuovo Burgman 400 nasce un progetto che coniuga competenza tecnica, cultura giapponese, gusto italiano e attualità. ARThletes vuole unire arte e motori e si ispira alle prossime Olimpiadi di Tokyo.

Nell'immaginario, il nuovo Burgman 400 è l'Atleta elegante e se ne vogliono esaltare le caratteristiche con quattro opere realizzate in esclusiva da quattro artisti italiani di fama internazionale molto affini alla cultura giapponese.

 

Saranno Gianluca Folì, Riccardo Guasco, Francesco Poroli e Van Orton gli artisti incaricati di interpretare quattro caratteristiche fondamentali del nuovo Burgman 400: eleganza, sportività, stabilità e sicurezza. L'obiettivo è quello di abbinarle ad altrettante discipline olimpiche, in particolare nuoto, laser run, equitazione e scherma.

 

Le loro interpretazioni diventeranno opere uniche dedicate al nuovo Burgman 400.

 

 

PRIMA OPERA - STABILITA' (Riccardo Guasco)

 

 

“Ho pensato all'illustrazione per il nuovo Burgman 400 di Suzuki immaginando di fermare in un'immagine sola la potenza, l'eleganza e l'esplosività di un gesto.

Un cavallo guidato nel punto più alto del salto di un ostacolo, la spirale di un’onda che si infrange su una costa, l'inclinazione e l'accelerazione in uscita da una curva, gesti che trovano la loro perfezione non nello sforzo stesso ma nella stabilità e nel controllo di quella potenza.

Le ispirazioni arrivano senz'altro dai grandi artisti della tradizione giapponese, maestri nel far coincidere in un'unica immagine forza ed equilibrio.” - Riccardo Guasco

 

 

SECONDA OPERA - SPORTIVITA' (Francesco Poroli)

 

 

"Pensando al nuovo Burgman 400 di Suzuki e al concetto di sportivitàmi sono chiesto se ci fosse qualcosa di più sportivo del puro gesto della corsa. Corriamo da che abbiamo memoria, persino da prima: è il gesto sportivo per eccellenza, che ben si coniuga con le forme del nuovo Burgman - proiettate nel futuro - e con lo spirito olimpico che ci attende a Tokyo, che appare sullo sfondo dell'immagine sovrastata dal Monte Fuji.” - Francesco Poroli

 

 

TERZA OPERA - ELEGANZA (Gianluca Folì)

 

 

 

 

"Ho voluto raccontare come l'eleganza delle curve e delle forme degli atletici corpi olimpici fossero parte della medesima armonia ritrovata nel design dello scooter.  Il richiamo formale e cromatico prende spunto dalla sospensione dell'Ukiyoe, un genere di stampa artistica giapponese su carta, impressa con matrici di legno, marcatamente sottolineato dalle due figure sospese. Ho voluto aggiungere poi nei loro gesti e nei loro respiri dei petali di ciliegio, simbolo forte e riconoscibile dell'Hanami." (Gianluca Folì)

 

QUARTA OPERA - SICUREZZA E FIEREZZA (Van Orton)

 

 

 

 

"Per l'illustrazione del nuovo Burgman 400 di Suzukiraccontano i Van Orton - abbiamo rappresentato uno schermidore dalla posa elegante e sicura avvolto in un mix di linee e forme che intrecciandosi danno vita a diversi scenari e ambienti. La parola chiave "sicurezza" assume un duplice significato, sinonimo di protezione ma anche fierezza nel gesto sportivo. Il Giappone è sempre stato fonte di grande ispirazione per noi e poterlo rappresentare qui ci ha stimolato molto”. (Van Orton)

 

 

PROVALA PREVENTIVO RETE SUZUKI SMART MEET

Cosa stai cercando?